SIM Immobiliare: il nostro Blog

Tante case, una sola agenzia.

Disdetta contratto di affitto

by Simonetta Bacchiega on 17 novembre 2014 , No comments

Ciao a tutti,

il post di oggi è dedicato al tema della disdetta del contratto di affitto: recedere da un contratto prima della sua scadenza è possibile, ma solo a determinate condizioni, diverse per l’inquilino e il proprietario.

Disdetta contratto di affitto: se sei un inquilino

Per gli inquilini è prevista la possibilità di disdire un contratto di affitto in qualsiasi momento. La disdetta può avvenire anche all’interno del primo quadriennio, purché si rispettino dei tempi precisi: la comunicazione deve avvenire con un preavviso di sei mesi rispetto alla data di liberazione dell’immobile. Se il contratto è di natura transitoria, i mesi di preavviso necessari sono solo tre.

La disdetta da parte dell’inquilino è possibile per “gravi motivi”, non meglio specificati dall’attuale legislazione. I principali attualmente riconosciuti sono:

  • La necessità di trasferimento per lavoro
  • Problemi familiari e necessità di avvicinamento
  • Perdita del posto di lavoro o dello stipendio percepito
  • Perdita di un membro del nucleo familiare e impossibilità, economica o psicologica, di continuare a vivere negli stessi ambienti
  • Crescita della famiglia e conseguente necessità di maggiori spazi abitativi
  • Problemi strutturali gravi, di varia natura, che il proprietario non è intenzionato a risolvere

Affinché sia legalmente valida, la disdetta del contratto di affitto deve essere comunicata tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, contenente:

  • i dati anagrafici del conduttore
  • la motivazione della disdetta
  • i tempi di rilascio dell’immobile

La comunicazione deve essere inviata direttamente al proprietario, il quale avrà diritto di richiedere il canone d’affitto fino alla data di rilascio: soltanto al momento della risoluzione del contratto restituirà la caparra, che non può essere utilizzata dall’inquilino per coprire i mesi di canone da corrispondere in seguito alla disdetta.

Al momento dell’effettivo scioglimento anticipato del contratto sarà necessario versare una tassa all’Agenzia delle Entrate: la spesa può essere ripartita tra proprietario e inquilino, oppure a intero carico di una delle parti se ciò è sancito dal contratto stipulato. L’ammontare della cifra è di 67 euro.

Disdetta contratto di affitto: se sei un proprietario

Se sei proprietario di un immobile che desideri liberare, la disdetta ha più vincoli rispetto a quelli imposti agli inquilini, tuttavia la risoluzione anticipata del contratto è comunque possibile in alcuni casi specifici.

Per disdire il contratto di affitto, il proprietario deve comunque attendere la prima scadenza del contratto, ovvero i quattro anni in caso di contratto a canone libero e nella formula 4+4 e i 3 anni in caso di contratto con canone vincolato e formula 3+2. Trascorso questo periodo, il locatore potrà disdire il contratto tramite raccomandata con ricevuta di ritorno specificando le ragioni della disdetta.

La disdetta del contratto di affitto da parte del proprietario, però, è possibile soltanto nei seguenti casi:

  • Il conduttore dell’immobile non ne fa uso, per ingiustificato motivo, per periodi di tempo prolungati
  • L’immobile necessita di interventi strutturali o comunque di grande entità
  • Il proprietario necessita di usufruire dell’immobile per adibirlo ad abitazione principale per sé, per un figlio o un familiare entro il secondo grado
  • Il proprietario necessita dell’immobile per adibirlo ad uso professionale o commerciale
Se desiderate comprare o vendere casa a Novara, venite a scoprire il mondo Sim: l’agenzia Sim Immobiliare è attiva da ventidue anni sul territorio e i nostri professionisti sono a vostra disposizione per ogni consulenza immobiliare. Ci trovate all’indirizzo www.simimmobiliare.it, all’indirizzo email sim@simimmobiliare.it oppure al numero 0321 331737.

Iscriviti Gratis alla Nostra Newsletter

* Richiesto



Comments

commenti

Related Posts

Take a also a look at these posts

Join the conversation