SIM Immobiliare: il nostro Blog

Tante case, una sola agenzia.

Bonus videosorveglianza: credito d’imposta per chi investe in sicurezza

by Redazione on 29 gennaio 2016 , No comments

Proteggere la propria famiglia e la propria casa costerà meno? Un emendamento alla Legge di Stabilità 2016, contenuto all’interno del pacchetto “Cultura e Sicurezza”, introduce un credito d’imposta per i cittadini che decidono di installare sistemi di videosorveglianza a tutela della propria abitazione.

In particolare, il Bonus videosorveglianza è applicabile per l’installazione di sistemi di videosorveglianza, telecamere, registratori audio – video e per la sottoscrizione di contratti con agenzie di sorveglianza. Ad usufruire del credito d’imposta potranno essere i privati cittadini, non titolari di partita IVA. Su questo, la normativa è chiara: si rivolge soltanto a “persone fisiche non nell’esercizio di attività di lavoro autonomo o d’impresa”.

Cosa cambia con il Bonus Videosorveglianza?

Fino al termine del 2015, chiunque abbia installato sistemi di video sorveglianza ha potuto usufruire delle detrazioni fiscali del 50% per le ristrutturazioni edilizie. A partire dal 1 gennaio 2016, il Bonus videosorveglianza ha invece introdotto la possibilità di ricorrere al credito d’imposta. Per la manovra sono stati stanziati 15 milioni di euro.

All’emendamento dovrà fare seguito un apposito provvedimento attuativo, contenente maggiori dettagli relativi ai tetti di spesa e i requisiti necessari per usufruire del credito d’imposta, come la presenza di un’adeguata certificazione e la conformità alla legge sulla privacy.

Per avere queste informazioni è possibile ci sia da aspettare ancora un po’ di tempo: a chiarire le cosa dovrà essere un decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze, entro 90 giorni dall’entrata in vigore della Legge di Stabilità (ovvero entro i 90 giorni successivi al 1 gennaio 2016).

bonus videosorveglianza

Come ottenere il credito d’imposta?

Il credito d’imposta è equiparabile a un “buono” richiedibile dal cittadino in sede di dichiarazione dei redditi. Si tratta di un credito che verrà scalato dall’ammontare delle tasse dovute. Dunque, per gli acquisti effettuati nel corso del 2016, si potrà detrarre la spesa sostenuta tramite apposita segnalazione nella dichiarazione dei redditi che verrà compilata il prossimo anno.

Maggiori dettagli relativi alle modalità di accesso al credito d’imposta per il bonus videosorveglianza, però, devono ancora essere chiarite. Per ora è possibile affermare solo che si potrà accedere all’agevolazione fino all’esaurimento dell’importo totale stanziato a livello nazionale, dunque fino al raggiungimento di una spesa complessiva di 15 milioni di euro in tutta Italia.

Se desideri comprare, vendere o affittare casa a Novara,  Sim Immobiliare (+39 0321 331737)

Iscriviti Gratis alla Nostra Newsletter

* Richiesto


Comments

commenti

Related Posts

Take a also a look at these posts

Join the conversation