SIM Immobiliare: il nostro Blog

Tante case, una sola agenzia.

Quali irregolarità compromettono la compravendita immobiliare?

by Simonetta Bacchiega on 7 febbraio 2016 , No comments

Arrivare al momento dell’agognato rogito, di fronte al notaio, e scoprire solo in quel momento dell’esistenza di ipoteche o impedimenti alla vendita della casa della quale ti sei innamorato? Può capitare, più spesso di quanto pensi. Per evitare questo rischio è fondamentale conoscere tutti i fattori che possono compromettere la compravendita e i vizi nascosti di un immobile, attraverso una serie di controlli accurati.

Ci sono vincoli sull’immobile?

La prima condizione da appurare è la presenza di vincoli sull’immobile, i quali possono condizionarne l’uso o la vendita. Per appurare ciò è necessario richiedere le visure catastali e ipotecarie, esaminando anche gli eventuali precedenti atti d’acquisto. I vincoli che possono essere rilevati sono: ipoteche, servitù, pignoramenti, sequestri, convenzioni urbanistiche, diritti di prelazione all’acquisto.

La presenza di tali vincoli viene accuratamente verificata dal notaio scelto per la compravendita, ma è possibile anche ricorrere a una consulenza tramite agenzia immobiliare: in questo modo verranno effettuate le dovute verifiche risparmiando tempo e denaro sull’immobile d’interesse e, qualora dovessero emergere degli impedimenti alla compravendita, si potrà rapidamente riprendere la ricerca senza rischiare di lasciarsi sfuggire altre occasioni.

Se, invece, la valutazione immobiliare non rileva problemi, si potrà procedere verso il rogito in tutta tranquillità, senza il timore di veder sfumare l’acquisto all’ultimo, con tutte le spiacevoli conseguenze del caso.

compravendita immobiliare

In quali casi non è possibile procedere con il rogito?

Durante l’esecuzione di tutti i controlli possono emergere piccole o grandi difformità tra le visure e lo stato dell’immobile, ma non tutte sono tali da pregiudicare la compravendita. Se l’immobile presenta delle difformità dalla visura catastale o dalla planimetria tali da modificare la rendita, non è possibile procedere con la compravendita fino a quando la situazione non sarà sanata. Esempi di questa condizione possono essere la presenza di un secondo bagno non indicato in planimetria, di un portico, di un soppalco.

Diverso è il caso delle difformità lievi: se sono stati effettuati interventi non presenti in visura catastale senza una modifica della rendita, la compravendita non è compromessa.

Il venditore è davvero autorizzato a vendere?

Una domanda dalla risposta apparentemente scontata, ma che è bene farsi prima di evitare spiacevoli sorprese. Occorre dunque verificare che il soggetto venditore sia proprietario unico ed esclusivo o se è proprietario con terzi, o ancora se è proprietario in regime di comunione dei beni con il coniuge. Nel caso di acquisto dal costruttore o tramite una società occorre verificare che non vi siano pignoramenti o fallimenti in corso.

Se desideri comprare casa senza ostacoli, siamo a tua disposizione per una consulenza gratuita: Sim Immobiliare (+39 0321 331737)

Iscriviti Gratis alla Nostra Newsletter

* Richiesto


Comments

commenti

Related Posts

Take a also a look at these posts

Join the conversation