SIM Immobiliare: il nostro Blog

Tante case, una sola agenzia.

Come scegliere l’antifurto per la casa

by Simonetta Bacchiega on 13 maggio 2016 , No comments

La nostra casa è il luogo nel quale più di ogni altro vogliamo sentirci protetti e al sicuro. Ognuno di noi, però, ha esigenze diverse, da tenere presenti quando è il momento di scegliere l’antifurto per la casa: deve essere un sistema in grado di garantirci protezione, senza imporre limitazioni sul nostro stile di vita e sul nostro modo di vivere quotidianamente la nostra abitazione. Una sfida impegnativa? Forse, ma che può essere vinta attraverso un’analisi attenta delle diverse soluzioni proposte dal mercato prima di prendere una decisione finale.

Antifurto con o senza fili?

La prima distinzione generale è quella tra sistemi di antifurto con o senza fili. Il sistema via cavo garantisce elevata sicurezza: dal momento che tutti i componenti sono collegati tra loro tramite cavo elettrico, è sufficiente che ne venga tagliato uno per far scattare l’allarme. In alcuni casi, però, l’installazione può risultare troppo complessa oppure troppo vincolante, se non avviene in fase di costruzione o di ristrutturazione dell’edificio: non sempre è possibile sfruttare l’impianto elettrico preesistente senza dover rompere i muri.

I sistemi senza fili, o wireless, funzionano grazie alle onde radio. Nel primo caso, la comunicazione tra le singole parti avviene tramite onde elettromagnetiche, senza necessità di intervenire con modifiche invasive all’impianto elettrico e senza vincoli per quanto riguarda il posizionamento dei singoli componenti. Ovviamente, per un sistema a onde radio viene meno anche il rischio che l’impianto venga messo fuori uso tramite il taglio dei cavi. Il rischio di interferenze, frequente negli impianti più datati, è ormai pressoché inesistente per gli impianti di nuova generazione e ogni componente è dotato di batteria a lunga durata che permette il funzionamento anche in caso di black out.

Protezione interna o esterna?

La praticità di installazione è un criterio importante, ma di certo non l’unico da prendere in considerazione: l’antifurto per la casa deve offrire massima protezione senza risultare limitante per quanto riguarda la fruizione della propria casa. Per questo è importante tenere conto anche delle proprie abitudini e della struttura dell’abitazione.

Possiamo distinguere tra due tipologie principali di antifurto per la casa: perimetrale o volumetrico. Il primo agisce sugli spazi esterni, mentre il secondo coinvolge gli spazi interni dell’abitazione. L’antifurto perimetrale può essere quindi azionato anche quando ci si trova in casa e monitorerà il perimetro esterno, proteggendo da tentativi di intrusione e scassinatura dei serramenti.

L’antifurto volumetrico, invece, permette di rilevare la presenza di un intruso all’interno della casa attraverso la rilevazione di movimenti o di variazioni di temperatura. Può essere utilizzato quando non ci si trova in casa o predisposto in modo tale da poterne attivare solo una parte, in determinate stanze o aree dell’abitazione.

Un sistema di protezione non esclude l’altro: la combinazione di volumetrico e perimetrale permette di mantenere attiva una forma di protezione sia quando ci si trova in casa, sia quando ci si trova fuori.

Scegliere l'antifurto per la casa

…E se ho animali domestici?

Spesso, quando si progetta l’impianto antifurto per la casa, ci si trova a fare i conti con la presenza di amici a quattro zampe, oppure gli animali domestici fanno il loro ingresso in famiglia successivamente, quando l’impianto è già installato, ponendo dei dubbi: come mantenere la casa protetta senza dover limitare le possibilità di movimento degli animali? Rendere l’antifurto di casa “pet friendly” in caso di progettazione è la cosa più semplice, ma è possibile intervenire anche successivamente.

Occorre dotarsi di sensori con tecnologia “Pet immune”, ovvero in grado di distinguere la presenza di un uomo da quella di un animale domestico di dimensioni medie. I sensori perimetrali vengono installati ad un’altezza tale da permettere il passaggio di animali senza problemi, evidenziando invece una eventuale intrusione umana. Questa distinzione viene effettuata anche dai sensori che si basano sulla percezione della temperatura, dal momento che la temperatura corporea umana è differente da quella degli animali. Lo stesso dicasi per l’interno della casa: è possibile installare dei sensori con tecnologia Pet Immune, i quali permettono agli animali domestici di muoversi liberamente nelle stanze.

Se desideri comprare, vendere o affittare casa a Novara,  Sim Immobiliare (+39 0321 331737)

Iscriviti alla Newsletter
* = campo richiesto!

powered by MailChimp!

Comments

commenti

Related Posts

Take a also a look at these posts

Join the conversation