SIM Immobiliare: il nostro Blog

Tante case, una sola agenzia.

Canoni di locazione: come si sono evoluti dal 2008?

by Simonetta Bacchiega on 30 gennaio 2017 , No comments

È più conveniente affittare o comprare casa? È più vantaggioso mettere un immobile in affitto o in vendita? Sono domande estremamente importanti, che però non hanno una risposta univoca. Per capire cosa conviene, occorre analizzare molti fattori, come la zona e le caratteristiche della casa, ma anche l’andamento del mercato e le previsioni future.

Il 2008 ha segnato una profonda svolta nel mercato immobiliare e, più in generale, per l’economia globale. Anche i canoni di locazione sono cambiati di conseguenza: le transazioni immobiliari hanno iniziato a calare, con un conseguente repentino aumento di domanda per immobili in affitto. Vediamo come questa situazione ha influenzato i canoni di locazione e cosa aspettarci per i prossimi anni.

Canoni di locazione: le variazioni anno per anno

canoni di locazione

L’indagine inizia dal 2008, proprio perché è stato l’anno del grande cambiamento. Nonostante l’aumento della domanda, però, le conseguenze non sono scontate: i canoni di locazione hanno subito un ribasso, perché l’offerta sul mercato è ancora molto ampia e gli inquilini iniziano a mostrare più attenzione alla qualità dell’immobile, prediligendo quelli nel migliore stato conservativo.

Nel 2009 continuiamo ad assistere al calo dei canoni di locazione, con una selezione sempre più accurata da parte degli inquilini.

Nel periodo compreso tra il 2010 e il 2013 i canoni iniziano a stabilizzarsi, soprattutto nelle grandi città e, conseguentemente, il mercato trova un suo equilibrio anche nei centri più piccoli. Se i costi della locazione diventano stabili, appare anche una nuova tendenza: con l’aumento della domanda di questi anni, aumenta anche la selettività dei proprietari degli immobili, che richiedono maggiori garanzie per evitare rischi di morosità.

Tra 2014 e 2015, i canoni subiscono ancora lievi ribassi, legati principalmente a due ragioni: da una parte, la contrazione delle possibilità di spesa. Dall’altra, la maggiore richiesta di garanzie da parte dei proprietari, che pur di avere la certezza di lasciare il proprio immobile a inquilini affidabili preferiscono scendere con i canoni di locazione per andare incontro alle esigenze delle persone selezionate.

Nel 2016, una nuova svolta per i canoni di locazione

Arriviamo così allo scorso anno, il quale segna un momento tanto importante quanto il 2008 all’interno della nostra analisi: in questo anno si iniziano a vedere i primi segni di ripresa dei canoni di locazione. Gli affitti tornano a salire, seppur lievemente, dando il via a una inversione di tendenza. Anche in questo caso, possiamo individuare due principali fattori scatenanti: da una parte si è stabilizzata l’offerta, dall’altra gli incentivi per gli interventi edilizi e una maggiore consapevolezza da parte dei proprietari ha fatto in modo che aumentasse la qualità media degli immobili proposti.

Cosa ci insegnano questi ultimi 6 anni?

Alla luce di questi fattori, possiamo ipotizzare che i canoni di locazione nel corso dei prossimi anni confermino la tendenza mostrata nel 2016, con lievi aumenti e un parallelo aumento della qualità dell’offerta. In forte aumento anche i contratti a canone concordato: nel 2009 sono stati scelti nel 22.9% dei casi. Si tratta di un dato che, da solo, non è sufficiente a determinare la convenienza della scelta tra comprare e affittare casa, oppure tra venderla e darla in locazione, ma che permette comunque di aggiungere un importante tassello nelle proprie valutazioni, per una visione d’insieme il più possibile completa e approfondita.

Se desideri comprare, vendere o affittare casa a Novara, Sim Immobiliare (+39 0321 331737).

Iscriviti alla Newsletter
* = campo richiesto!

powered by MailChimp!

Comments

commenti

Related Posts

Take a also a look at these posts

Join the conversation