SIM Immobiliare: il nostro Blog

Tante case, una sola agenzia.

Paura dei ladri? Ancora poco tempo per avere una casa più sicura e risparmiare

by Simonetta Bacchiega on 8 marzo 2017 , No comments

Se nel corso del 2016 hai realizzato interventi per l’installazione di sistemi di sicurezza e di videosorveglianza, oppure se hai sottoscritto contratti con istituti di vigilanza, hai tempo fino al 20 marzo per richiedere il Bonus Sicurezza e ottenere uno sgravio fiscale sugli interventi sostenuti. Le agevolazioni spettano sia per gli interventi realizzati su edifici adibiti ad abitazione, sia su edifici ad uso promiscuo, ma in questo caso il credito d’imposta viene ridotto del 50%.

Quanto puoi risparmiare

Il risparmio riguarda gli interventi realizzati su abitazioni, oppure edifici ad uso promiscuo (adibiti cioè sia ad abitazioni sia ad attività d’impresa o di lavoro autonomo), ma occorrerà attendere fino al 31 marzo per sapere quale sarà la percentuale di credito d’imposta riconosciuta. Per gli immobili ad uso promiscuo, però, il credito d’imposta viene ridotto del 50%. Le domande devono essere presentate entro il 20 del mese per tutti i lavori di messa in sicurezza realizzati entro il 31 dicembre 2016.
La percentuale della detrazione verrà stabilita in base al rapporto tra la cifra totale stanziata e il credito d’imposta complessivamente richiesto.

Quali interventi sono oggetto di detrazione

L’Agenzia delle Entrate fornisce un elenco esemplificativo delle tipologie di interventi che possono rientrare nelle detrazioni:
• rafforzamento, sostituzione o realizzazione di cancellate o muri di cinta degli edifici
• apposizione o sostituzione di grate alle finestre
• porte blindate o rinforzate
• apposizione o sostituzione di serrature, catenacci, lucchetti o spioncini
• installazione di rilevatori di apertura o effrazione sui serramenti
• apposizione di saracinesche
• tapparelle metalliche con bloccaggi
• vetri antisfondamento
• casseforti a muro
• impianti antifurto e relative centraline
• telecamere o fotocamere collegate a centri di vigilanza privati.

Più in generale, è possibile richiedere il Bonus Sicurezza per tutti gli interventi volti ad aumentare la sicurezza della casa, compresa la sottoscrizione di contratti per servizi di vigilanza privati.

Bonus sicurezza 2016

Come richiedere il Bonus Sicurezza

Il bonus sicurezza può essere richiesto compilando apposita domanda tramite il software Creditovideosorveglianza, fruibile direttamente tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate. Per richiedere le agevolazioni, è necessario fornire:
– Codice fiscale del beneficiario delle detrazioni
– Codice Fiscale/Partita Iva del fornitore del bene o del servizio
– Data, numero e importo delle fatture.

Il Bonus Sicurezza nel 2017

Il 20 marzo scade il termine ultimo per presentare domanda e ottenere il credito d’imposta sull’installazione di impianti di sicurezza o per contratti di vigilanza eseguiti entro il 31 dicembre 2016. Cosa succede, invece, se gli interventi sono stati eseguiti dopo tale data o se si hanno in programma interventi per aumentare la sicurezza della propria abitazione nel corso del 2017?
Anche se non è ancora nota la percentuale detraibile, possiamo fare affidamento su una prima buona notizia: il bonus è stato prorogato anche nel corso del 2017, pertanto nel 2018 sarà possibile richiedere le detrazioni relative agli interventi effettuati nel corso di quest’anno.

Se desideri comprare, vendere o affittare casa a Novara, Sim Immobiliare (+39 0321 331737).

Iscriviti alla Newsletter
* = campo richiesto!

powered by MailChimp!

Comments

commenti

Related Posts

Take a also a look at these posts

Join the conversation