SIM Immobiliare: il nostro Blog

La più grande Agenzia Immobiliare indipendente di Novara

Revoca dell’amministratore di condominio: è possibile richiederla?

by Simonetta Bacchiega on 6 Febbraio 2019 , No comments

Si può revocare la nomina di un amministratore di condominio? Chiunque sia insoddisfatto del proprio amministratore si ritrova a farsi questa domanda almeno una volta, magari avendo già in mente anche a chi vorrebbe accordare la propria preferenza.

Revocare la nomina di un amministratore di condominio è assolutamente possibile. Chiaramente ottenere la revoca di un amministratore non è una cosa semplice e immediata e, soprattutto, affinché questa azione venga intrapresa, alla sua base devono esserci delle motivazioni concrete.

Quando è possibile ricorrere alla revoca dell’amministratore di condominio?

Innanzitutto va detto che la revoca dell’amministratore di condominio deve essere votata dall’assemblea condominiale. I motivi per i quali l’assemblea può richiedere la revoca sono molteplici:

• la mancata rendicontazione della propria gestione da parte dell’amministratore.
• Il non aver messo l’assemblea a conoscenza della notifica di una citazione o di un provvedimento relativo a     una irregolarità commessa dall’amministratore stesso.
• La mancata apertura (obbligatoria) e quindi l’utilizzo di un conto corrente condominiale.
• L’aver commesso irregolarità fiscali.

revoca amministratore del condominio

Oltre a ciò però, l’assemblea può richiedere la revoca della nomina dell’amministratore condominiale anche in assenza di una giusta causa. In questo caso però la Corte di Cassazione ha stabilito che l’amministratore revocato ingiustamente può avvalersi della facoltà di chiedere un risarcimento dei danni causati dall’interruzione anzitempo del proprio mandato.

Per richiedere la revoca dell’amministratore di condominio è necessario seguire una procedura

Il primo fondamentale passo per l’ottenimento della revoca dell’amministratore di condominio è l’invio di una lettera allo stesso nella quale i condòmini dichiarano la loro volontà di inserire l’argomento nell’ordine del giorno dell’assemblea.
Non è necessario che l’unanimità dei condomini sia favorevole: sono sufficienti due, con il vincolo però, che siano proprietari di almeno un sesto del valore dell’intero condominio.

Soltanto nei casi in cui la revoca viene proposta per gravi irregolarità fiscali o per la mancanza del conto corrente condominiale, la richiesta può essere avanzata anche da un solo condomino.

Entro dieci giorni dal ricevimento della lettera, l’amministratore dovrà convocare l’assemblea per la discussione dell’argomento. Se, trascorsi questi dieci giorni, l’amministratore non avrà ancora provveduto, allora i condomini autori della mozione potranno deliberare la convocazione direttamente.

Amministratore interno: la responsabilità affidata a un condòmino

La legge prevede anche la possibilità di eleggere un amministratore di condominio interno, dove con interno ci si riferisce a uno dei condòmini. Attenzione però: per condòmini si intendono solamente gli effettivi proprietari di un’area dell’immobile, mentre sono esclusi dalla categoria gli inquilini conduttori.

revoca amministratore del condominio

Gli obblighi e i doveri di un amministratore interno sono i medesimi che spetterebbero a un incaricato esterno al condominio, così come uguali sono anche i requisiti che la persona deve avere. Una volta eletto, l’amministratore interno resterà in carica per un anno e, qualora non venissero presentate proposte di revoca, il suo mandato si rinnoverà automaticamente di un periodo di pari durata.

I requisiti dei candidati

Ovviamente non tutti i condòmini possono esercitare il ruolo di amministratore interno ma, come detto in precedenza, è necessaria la presenza di alcuni fondamentali requisiti, ossia:

• la titolarità di diritti civili.
• L’assenza di condanne per delitti di varia natura.
• La mancanza di inabilità, interdizione.
• L’iscrizione nel registro dei protesti.

Tutti questi requisiti devono essere mantenuti nel corso dell’intera durata del mandato, inoltre sono necessari il possesso del diploma di scuola superiore e la frequentazione di un corso formativo iniziale seguito da periodici aggiornamenti.

Vuoi vendere, affittare o comprare casa a Novara, senza perdere tempo e avendo la sicurezza di fare tutto nel migliore dei modi? Parlaci dei tuoi progetti, ti spiegheremo tutto quello che possiamo fare per te. Contattaci al 0321-331737!

Comments

commenti

Related Posts

Take a also a look at these posts

Join the conversation